index Foto di un filo rosso
index
Foto di un filo rosso
 Foto soggette a diritto d'autore
 






__________________________________

"Copriti gli occhi ! Si vede il cuore." B.

"Quegli occhi sono infinitamente tristi." B.

"Quegli occhi urlano. Non lo senti?" B.



________________________________



Negramaro.
Una poesia, un grido disperato.
.......
Nulla possiamo se non vogliamo, parole o azioni.
E nonostante TUTTO...occhi tristi e finti sorrisi.

Fingere.
Ignorare.
Scappare.

Chi vuole sa come fare.
Bisogna provare a fidarsi.

_________________________________________




"se senti il profumo di qualcuno che non ti è vicino, allora quel qualcuno devi averlo nell'anima.." E.I.A.
_______________________________________________________________


Lei: Ti chiedo scusa, non riesco a fidarmi. Non so perché sono così prevenuta

Credo tu ti debba fare da parte

 

Lui: Possibile che non riesci a fare a meno di darmi contro?

 

Lei: Mi hai rovinato

 

Poi….giorni dopo

 

Lei: Mi manchi e tanto….

Lei: Dimenticavo…ti chiedo scusa …forse non saremo fatti per stare insieme ma io ho ancora qualche battito per te  e non voglio mollare per colpa delle mie paure….ho paura è vero che arriverai a dirmi che non mi ami più….per questo a volte preferisco allontanarmi….perchè nella mia ingenuità soffro di meno forse….ma poi mi manchi e ti penso e ho voglia di vivere con te, di te, per te…vorrei essere perfetta per te….la tua anima gemella


____________________________________________


 

Lui: E’ un rapporto che mi pare tu stia affogando. Anche questo silenzio è un macigno. Stai sulle tue, non parli. Ho voglia di fare passi avanti. Più ne faccio e più ti allontani, te ne accorgi? Ed il bello è che lo fai in completa contraddizione. Io non so che fare. Prima vuoi cambiare lavoro ed andartene poi rimani ma odi tutta questa città. Come si può costruire se ogni 3 giorni non si sa nemmeno se vuoi rimanere qui o meno. Voglio la libertà di vivere un rapporto non a rate. Mi sembra tutto così assurdo. Forse abbiamo qualche new entry che è più interessante? Di sicuro capirai che è difficile che due che si ritrovano con tanti propositi non siano in grado di gestirli da adulti. Capisco l’ansia. I momenti di incertezza. Il timore di fare la cosa giusta. Ma non il tuo atteggiamento che butta tutto al cesso…proprio adesso.

 

Lei: Io non sto buttando tutto nel cesso. E’ questo che non vuoi capire. Io ti voglio bene e lo sai. Entrambi abbiamo provato a metterci in gioco ma ora sto ricevendo pressioni da ogni parte compreso lui. …Sono troppo scombussolata…che colpa mi fai? Ho bisogno di tempo. Voglio solo un po’ di serenità da tutti questi attacchi che sto ricevendo e che non mi consentono di essere serena.

 

Lui: ….se questo è un modo di dirmi che hai ancora dubbi con lui basta che me lo dici

 

Lei: Dubbi con lui? Ma stai scherzando?? Spero! Ma assolutamente no

 

 

________________________________

"io invece sinceramente visto che sono passati i mesi, non avrei mai pensato  di arrivare a questo punto

avevo altre previsioni"


_________________________

______________________________

 Bello questo Gallo, l'ho regalato io. Allora qualcosa di buono l'ho fatta nella mia vita.

________________________

E non hai niente da dire?

Io non dico nulla

___________________________________________________________________

 Ah beh. “potrei dire tutto o niente” “ma che cambia?”.

____________________________

 SAI CHE

Quelle piccole cose che a volte scambiamo per la NOIA, per insoddisfazione e che invece sono il vissuto quotidiano.  Quegli abbracci . I piedi che si incontrano, la pelle che si sfiora.

Quei risvegli col topo che rosica rosica, che fa rumore, che sgrana.

Quella era la felicità vera. Quella fatta di poco. Quella fatta di problemi, situazioni, cose affrontate e vissute insieme.

I piccoli programmi. I grandi programmi. 

La montagna, le corse. La spesa insieme. Le lunghe passeggiate.

Il correre per vedersi e la gioia di abbracciarsi, di stringersi forte.

Lo stare seduti su di una panchina al sole con un panino. Ascoltarsi in silenzio e capirsi. Sentirsi. Sentirsi da lontano e da vicino.

Sapersi sentire da lontano, con un semplice sguardo. Conoscersi, nei bisogni e nei desideri.

Cercare di organizzare un futuro.

Quella era la vera felicità. Il sorriso per una battuta, gli occhi che si incrociano davanti ad un caffè di corsa.

Perchè non si può dimenticare cosa si sente dentro. Si può dimenticare cosa non vediamo, cosa non abbiamo sotto gli occhi, ma non si dimentica quello che si sente dentro con noi.

_______________________

"non ce la faccio più. 

questo crollo non è solo fisico. è tutta una finzione. mi sono stancata. me ne voglio andare da questa città e allontanarmi da tutti. non è questa la mia vita. la  mia felicità. questo è solo un inferno.vivo nell'inferno perché forse me lo sono meritato.del resto sono sempre stata maledetta.una bastarda e questo è il prezzo che devo pagare."

"detesto me stessa e  il fatto di permettere alle persone di entrare nella mia vita e massacrarmi.per questo non voglio credere all'amore perché mi fa schifo. non esiste. non può esistere se la mattina mi sveglio e non ho voglia di fare niente perché faccio gli incubi con quell'uomo di merda che mi ha traumatizzato per quello che mi ha fatto. e continuo a vederlo con quel mezzo sorriso compiaciuto quando mi guardava e nonostante il mio disprezzo che non nascondevo per niente, lui continuava a rovinarmi la vita.e mia madre...se solo fosse stata dolce e affettuosa con me...non sarei cresciuta con questa carenza di affetto e sarei forte a questo punto della mia vita...in  grado di farcela da sola.maledetti tutti."

"distrutti i miei sogni...distrutta la mia spensieratezza, distrutta la voglia di credere negli altri, di innamorarmi. e invece no...ogni cosa per me è sempre stata una lotta per averla e io stupida a sentirmi sempre quella che non meritava le attenzioni di nessuno e oggi mi ritrovo ancora a chiedere attenzioni...ma quando cresco? non certo qui.ho sbagliato tutto. .  tutto. ...maledetta me.....
è vero che lo dico sempre di volermene andare ma poi non lo faccio. forse andrò via senza dire niente. perché tanto chi se ne frega se sto male. chi è che davvero mi vuole bene.nessuno.
e allora che mi importa di lasciare tutto. poi tanto la vita va avanti. ricomincia.sono infelice....stanca....sola...abbattuta....

ho ancora il sorriso da ebete per la serata di ieri.

quando ti guardo mi viene solo da sorridere....perchè non c'è cosa più bella che incrociare il tuo sguardo."

________________________________________________

" …ci tengo solo a dirti che mi dispiace, di tutto, credimi mi dispiace. Non sto bene neanche io e la cosa assurda è che non riesco a non volerti bene. La situazione è sfuggita di mano per paura, perché ho avuto paura di te, perché così come io probabilmente non ho mai capito nulla di te, anche tu non hai capito nulla di me. Ci siamo solo difesi l’uno dall’altro senza invece lasciare che fosse altro a prevalere. È assurdo tutto questo. È davvero assurdo. "

______________________________________________________


 


















                                



index | Foto di un filo rosso
Site Map